L’INSULTO
Regia di Ziad Doueiri
Genere: Drammatico
Durata: 110 minuti
Anno: 2017
Con Adel Karam, Kamel El Basha, Camille Salameh, Rita Hayek
Nazionalità: Libano
Trama:

Beirut, oggi. Yasser √® un profugo palestinese e un capocantiere scrupoloso, Toni un meccanico militante nella destra cristiana. Un tubo rotto, un battibecco e un insulto sproporzionato, pronunciato da Toni in un momento di rabbia, innescano una spirale di azioni e reazioni che si riflette sulle vite private di entrambi con conseguenze drammatiche, e si rivela tutt’altro che una questione privata.
In West Beirut, il film che ci ha fatto conoscere Ziad Doueiri, la guerra passava dall’apparire un’avventura personale al divenire una tragedia nazionale. Nella contemporaneit√† de L’Insulto la guerra civile libanese appartiene al passato, militarmente √® finita nel 1990, ma basta una miccia piccola come una mezza grondaia che sgocciola per dare nuovamente fuoco alle polveri e trasformare un banale incidente in un processo mediaticamente incandescente, che spacca subito la nazione in due.

Douieri e Joelle Touma, sua compagna e cosceneggiatrice, sono partiti da un’occasione reale, un’uscita verbale infelice del regista in un momento di nervosismo, per andare all’origine del sentimento che sta sotto certe frasi, che non vengono mai pronunciate per caso.

PROGRAMMAZIONE
  • .
DOVE